Sant’Ambrogio, dopo il 374, iniziò la costruzione della “Basilica Virginum”, una delle quattro basiliche poste strategicamente sulle quattro vie principali di uscita dalla città, che determinarono il successivo assetto urbano della città. La Basilica Virginum venne terminata dal successore di Ambrogio, San Simpliciano, che vi depose i corpi dei martiri dell’Anaunia (Martirio, Sisinnio ed Alessandro): alla sua morte vi fu collocato anche il suo sepolcro. Un mattone con il sigillo di Agilulfo, scoperto durante i restauri, indica che alcune riparazioni erano state eseguite tra il 590 e il 615. Modifiche alla struttura furono apportate tra l’XI ed il XIII secolo; l’attuale chiesa pertanto appare oggi definita in grandi linee dalla costruzione romanica. Nel 1517 la chiesa e il convento passarono ai Benedettini Cassinesi che vi restarono sino al 1798, anno in cui il convento fu trasformato in caserma. La facciata fu ricostruita dal Maciachini nel 1870. Restauri recenti hanno riportato alla luce parte delle strutture paleocristiane e hanno reso alla chiesa i caratteri romanici. L’interno è a croce latina a tre navate con quattro pilastri per lato, il transetto è diviso in due navate. Il tesoro della Basilica è rappresentato dall’Incoronazione di Maria che occupa l’ampia conca dell’abside. Si tratta del capolavoro di Ambrogio da Fossano detto il Bergognone. Un monumentale altar maggiore neoclassico ostacola un poco la visione dell’affresco. Sulla sinistra dell’abside si entra nel Sacello dei Martiri dell’Anaunia, basilichetta a croce latina con abside semicircolare, minuscolo transetto e cupoletta; la piccola costruzione potrebbe risalire al IV secolo.

Saint Ambrose, after 374 AD, began the construction of the “Basilica Virginum”, one of the four basilicas strategically situated on the four roads leading out of the city, which were to determine the subsequent urban development of Milan. The Basilica Virginum was completed by Ambrose’s successor Saint Simplicianus, who enshrined the bones of the martyrs of Anaunia (Martyrius, Sisinnius and Alexander) here: upon his death, he too was buried here. A brick with the seal of Agilulf, discovered during restorations, indicates that some repair work was undertaken between 590 and 615. More alterations to the structure were made from the eleventh to the thirteenth century; the present church thus has a mostly Romanesque appearance. In 1517, the church and its convent passed to the Benedictines of Cassino who remained there until 1798, when the convent was transformed into a barracks. The façade was reconstructed by Maciachini in 1870. Recent restorations have brought to light some palaeochristian structures and have given the church back its Romanesque character. The interior has the form of a Latin cross with a nave and two side aisles, with four pilasters per side and the transept is divided into two aisles. The treasure of the basilica is unquestionably the Coronation of the Virgin that occupies the large half-dome of the apse, a masterpiece by Ambrogio da Fossano, known as Bergognone. A monumental neoclassical altar somewhat blocks the view of the fresco. On the left of the apse is the entrance to the Chapel of the Martyrs of Anaunia, a tiny basilica on a Latin cross plan with a semicircular apse, miniscule transept, and small dome; this little building probably dates from the fourth century.


Martedì 13 giugno ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione

Lunedì 19 giugno ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Lunedì 26 giugno ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Martedì 27 giugno ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione

Giovedì 6 luglio ore 20.30
Basilica di San Simpliciano

Lunedì 10 luglio ore 20.30
Chiesa di San Sepolcro

Mercoledì 12 luglio ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione

Giovedì 13 luglio ore 20.30
Chiesa di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa

Lunedì 17 luglio ore 20.30
Chiesa di San Sepolcro

Giovedì 20 luglio ore 20.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Domenica 23 luglio ore 18.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Domenica 23 luglio ore 20.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Martedì 25 luglio
Sala Capitolare del Bergognone

Mercoledì 26 luglio
Sala Capitolare del Bergognone

Mercoledì 26 luglio ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Domenica 30 luglio ore 18.30
Basilica di Santa Maria della Passione

Lunedì 31 luglio ore 18.30 e ore 21.00
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Giovedì 3 agosto ore 20.30
Chiesa di San Pietro in Gessate

Sabato 5 e domenica 6 agosto ore 11.30 e ore 15.30
Pinacoteca Ambrosiana

Lunedì 7 agosto ore 18.30 e ore 20.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Giovedì 10 agosto ore 18.30 e ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Martedì 15 agosto ore 18.30
Teatro Dal Verme

Giovedì 17 agosto ore 10.30, ore 11.30, ore 14.30 e ore 15.30
Coro di San Maurizio al Monastero Maggiore

Sabato 19 agosto ore 20.30
Chiesa di San Bernardino alle Monache

Domenica 20 agosto ore 16.30, ore 18.30 e ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Giovedì 24 agosto ore 20.30
Basilica di Santa Maria della Passione